Monthly Archives: febbraio 2014

Orange Seahorse

I cavallucci marini ispirano il braccio robotico

Alcuni ricercatori dell’Università di San Diego, studiando la conformazione della coda degli ippocampi, la quale ha un’elasticità che non ha rivali, hanno scoperto una nuova modalità con cui brevettare un nuovo braccio meccanico.

La coda dei cavallucci marini, infatti, è formata da 36 segmenti squadrati che scivolano e ruotano su loro stessi, creando un movimento libero e fluido mai visto prima. Gli ingegneri stanno pensando di trasferire le stesse caratteristiche di movimento ad una tecnologia, brevettando un braccio robotico. Per farlo utilizzeranno placche ossee artificiali simili proprio a quelle che rivestono la coda degli ippocampi per collegare polimeri adatti a creare una struttura in grado di afferrare oggetti.

Si aprirebbe così un nuovo orizzonte per quanto riguarda i campi dell’esplorazione dei fondali marini, la detonazione e quello medico.