riso

Come ricaricare le batterie? Semplice, con il riso

L’ultima scoperta che viene dalla Corea potrebbe rivoluzionare l’utilizzo degli scarti di una delle colture più diffuse nel nostro pianeta, ovvero il riso. Il chicco di riso, per proteggersi dagli insetti e dai batteri, ha sviluppato un rivestimento esterno chiamato lolla, che serve anche a mantenere inalterata l’umidità e la ventilazione all’interno del chicco.

Anche qui l’evoluzione naturale di anni e anni insegna: i chicchi sono riusciti a sviluppare una struttura porosa unica in natura, composta da silice, che i ricercatori sono riusciti a trasformare in silicio; in questo modo la lolla produce gli elettrodi negativi per le batterie di litio adatti a laptop, auto elettriche e cellulari. Spesso le invenzioni brevettabili più brillanti e utili derivano da sorgenti naturali e molto semplici.

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>